Un presepe speciale

Ormai è una tradizione della quale non riesce a fare a meno. Nel 2007 sono stata una delle poche ad apprezzare quello fatto di tubi e fili elettrici. L’anno scorso ho ammirato quello fatto sull’intera rampa delle scale di casa sua. Anche quest’anno non poteva mancare. Con gioia ho avuto l’occassione di vederlo alla sua presentazione ufficiale.

Il presepe di Natale 2012 di Gaetano Dimatteo

(ricordate la splendida intevista di quest’estate?)

L’antico cavallo a dondolo all’ingresso ci accoglie con il suo candido mantello fatto all’uncinetto e, richiamando l’intero presepe, ci introduce ad esso quasi fosse una guida che lo protegge.

Le strisce in resistente tessuto bianco, sono la prima cosa che risalta agli occhi. Anticamente usate per fasciare i neonati, oggi, in questo presepe, anch’esse attendono di poter accogliere e fasciare in un abbraccio il Bambino che sta per arrivare, richiamando al contempo le atmosfere delle città mediorientali con i teli tesi tra una casa e l’altra a creare un po’ d’ombra. 

I vecchi pupi siciliani che pendono sulla sacra famiglia, sono segno di una umana morte a cui neanche quel Bambino si è sottratto.La parte di un sottovaso in ceramica lascia intravedere tra un telo e l’altro quello che può essere inteso come uno sfondo bucolico. Una mini scenografia che regala un tocco di profondità all’intero quadro.

Chi si ripara sotto i teli che ha trovato. Chi si può permettere un telo più elaborato. Ci sono persino due personaggi veneziani. In un gioco di altezze e prospettive diverse, tutti Lo attendono.

Di Matteo, con una non casuale sciarpa bianca, mi svela che il suo presepe sarà in continuo divenire. Poi, prima di andare via, mi mostra la nuova disposizione della sua casa-studio. Un’insieme di ricordi e di oggetti rari che solo lui sa disporre insieme con così tanta ricca naturalezza ed armonia.

Passate pure a vedere quest’opera d’arte nel sua dimora novasirese, o anche solo per scambiare due piacevoli chiacchiere con lui!! A me non resta che ringraziarlo per la sua ospitalità e per la sua amicizia!

Ps. Potete contattarlo sul suo account Facebook qui.

Pps. Ricordate che potete votarci ancora con due semplici e velocissimi click, regalandoci un cuoricino e tanta gioia!! (cliccando qui e poi sul cuoricino rosso) :*

Faithful to the tradition this year Gaetano Di Matteo presented the Christmas nativity 2012. Sunday I had the pleasure to see it in his house.

An old horse with a white blanket welcomed me when I entered in the house and recalling the theme of the work he become a sort of guide that introduced myself into the nativity scene.

A lot of strips of white fabric were the first thing i saw. They were used to wrap babies during the ancient times and now they want to symbolize that we’re waiting for Someone to hold and wrap with, but also the middle eastern cities with their sheets stretched between the houses to make shadows.

Two sicilian puppets hanging over the holy family, symbolize the death He did not escape!

It’s possible to see a landscape painted on a sauces, like a little scenography.

Everyone is waiting for him.

The artist told me he will finish the work day by day until Christmas, so if you want come and see him and all his wonderful works in his house.

Now I cannot do anything but thank him for his hospitality and for his friendship!

ps. you can contact him on his Facebook account here.

6 pensieri su “Un presepe speciale

    • Ti ringrazio!! Lui è splendido con le sue opere, spesso poco apprezzato però nel paesino…
      Il cappottino è Liu Jo Junior…pensa un po’! ;P
      Un abbraccio!

What do you think about this post?