The real life models

144537528-83c3c512-c068-4e63-a4aa-89fa59076351

144538649-d35cf291-4d4b-457b-839f-018b3331a580 144538748-933ca18d-40aa-4b38-a02c-ed536584237e 144539088-79a2f108-cd2c-4513-bd2b-d5d2d9eaf767 144541246-9da4ad0e-2b42-499a-91fb-f4291da48ff8

Flora Borsi è una diciannovenne ungherese che ha provato ad immaginare come sarebbero stati nella realtà i protagonisti di alcune delle opere d’arte più famose! Vestendo i panni di questi modelli, divertendosi e usando abilmente software di fotoritocco, Flora dà vita alla sua arte, mai banale e sempre attenta a comunicare emozioni e sogni senza dimenticare mai quel tocco di umorismo che la rende speciale!

Continua a leggere

Femme à la cravate noir

“L’uomo è un mondo che a volte vale mondi interi”
MODIGLIANI
 lettera a Zborowski, 1919
” The man is a world that sometimes is entire worlds”
MODIGLIANI
letter to Zborowski, 1919

modigliani

Ritratto di donna con cravatta nera, 1917, olio su tela, 65×50, Musee de l’Orangerie, Parigi

La pennellata veloce, i famosi colli allungati, la figura definita che diventa un tutt’uno con lo sfondo, gli inconfondibili occhi monocromatici pieni di malinconia: da un miglio si può riconoscere un dipinto di Modigliani.

Ma Il Ritratto di donna con cravatta nera occupa un posto speciale nel mio cuore: una tenerezza e un’intimità diverse dagli altri ritratti sono mirabilmente espresse da una tenue palette di grigi, segretamente sporchi di caldi gialli, a cui osano opporsi solo ed esclusivamente quelle labbra di fiori rossi.

nkj

Una serie di curve: la spalla, la guancia,l’altra guancia, le sopracciglia, la cravatta.

“All’origine di questa simultaneità di curve non c’è la stesura cromatica del fauves , ma la scomposizione cubista.”

Ma allora…

“Perchè Modigliani, dopo aver assimilato la sintassi cubista, non la porta alle ultime conseguenze?Perchè ritorna al tipo tradizionale del ritratto e del nudo? Perchè, invece di risolvere in un’unica architettura cose e spazio, isola un frammento di spazio reso significativo, sensibilizzato dalla presenza di una persona fisionomicamente e psicologicamente caratterizzata? Non serve tirare in ballo la situazione italiana (…) non c’entra. Tutto ciò che Modigliani ha di italiano è l’inquietudine interna (…). Perciò non accetta l’idea di una pittura analitica, la pittura deve essere poesia.”

Questo mi sembra uno dei punti più importanti da cui partire per imparare e leggere le sue opere. Non oso aggiungere altro di cui non so, ne’ voglio tediarvi con note biografiche (seppur la sua vita sia stata ricca di episodi da raccontare a partire dal momento della sua nascita), ma per questo vi rimando ad un ottimo film “I colori dell’anima”, che ben ne descrive la vita.

(anche nel film ci sono delle incongruenze storiche però)

dettaglio mio

Continua a leggere