Free associations #2 La infanta

eliee saab hc 2013Elie Saab Haute Couture S-S 2013            Velasquez Las Meninas olio su tela 1656

Appena ho visto la sposa di Elie Saab, ho pensato all’infanta Margherita, alla Spagna, al Prado… un abito principesco che diventa subito protagonista della scena, proprio al contrario del quadro di Velasquez in cui i protagonisti siamo noi!

Tra una ricerca e l’altra ho anche scoperto un interessante frammento della storia della moda, il guardinfante, e voi lo conoscevate?

Continua a leggere

Mary Katrantzou

Questa collezione non poteva che uscire dalla mente di un Architetto! Ed infatti Mary Katrantzou si è laureata in Architettura negli USA presso la Rhode Island School of Design prima di studiare Textile design. Chi l’avrebbe detto che la piccola Mary (classe ’83) di origini greche avrebbe sfondato nel mondo della moda??  Questa volta l’architettura non ha vestito i luoghi, ma i corpi. Attraverso le stampe di eleganti interni gli abiti hanno la capacità di diventare tridimensionali: applicazioni, parti strutturate, gioielli lampadario fanno si che l’abito non sia un quadro da guardare ma una invitante prospettiva da abitare!  Sono rimasta affascinata dalla storia di Mary (sarò perchè anch’io studio architettura 😉 ) e dalle sue creazioni, che ho scoperto solo recentemente (shame on me!) grazie a Casamica, che l’ha “sbattuta” in copertina, e al blog Electromode, perciò , dal momento che questa è la collezione SS 2011, potete dare un’occhiata all’ultima collezione SS 2013 proprio su Electromode.

PS. Quei gonnellini-lampadario non ricordano anche a voi alcune gonne e abiti Vivietta della collezione SS 2010?

Continua a leggere

Ciglio dei Vagni

Ieri, 29 settembre, in occasione delle giornate europee del patrimonio culturale, il museo nazionale archeologico della siritide di Policoro ha organizzato un’interessante iniziativa grazie alla quale è stato possibile visitare i resti delle antiche terme romane di Ciglio dei Vagni nella cittadina di Nova Siri, guidati dai ragazzi del liceo classico “Pitagora”. Un piccolo tesoro, che silenziosamente vigila sul paese con la sua posizione un po’ più elevata rispetto al centro abitato. Un centro termale di piccole dimensioni, ma di grande fascino, l’acqua arrivata dalle sorgenti delle vasche di Sant’Alessio, veniva canalizzata all’interno dell’impianto per riempire le vasche che caratterizzano il tipico percorso termale: frigidarium, trepidarium e calidarium. Non mancano il laconicum e molti altri ambienti annessi su cui sarebbe sicuramente interessante indagare ancora più a fondo.

2 buone notizie:                                                                                                                         -Anche oggi, 30 settembre, è possibile visitare il sito archeologico dalle 9:00  alle  13:00         -Oltre alle terme è anche possibile visitare il museo di Policoro

1 notizia meno buona (diciamo così!):                                                                                       -poichè le informazioni sulle terme sono molto povere (o almeno io mi aspettavo di sapere un po’ di cosette in più), vi linko un sito dove potete trovare notizie riguardanti l’architettura delle terme romane, cliccando qui, e un’altra pagina dove trovate una descrizione sul  funzionamento delle terme, cliccando qui, di modo che, se farete un giro da quelle parti, la visita risulterà più facile e quei quattro mattoni cadenti vi possano raccontare una interessante storia anche se lontana nel tempoi! 😉

 

Yesterday was the European day of cultural heritage and I had the pleasure to visit an archaeological site of the ancient thermal bath Continua a leggere

Things…

SKULLS

1. collana Marc by Marc Jacobs ricevuta in regalo da Angela

2. t-shirt in velo Zara

3. t-shirt con farfalle,borchie e teschi Zara, ricevuta in regalo da Kekko

4. la mia storica maglietta con i teschi comprata a Vigevano e gonna verde Zara + top verde, il mio primo acquisto H&M!

5. penna Claire’s regalatami da Marina la canadese

6. collana e orecchini fatti da me con le perline che Kekko mi ha portato dalla Spagna + Memorie dal Sottosuolo di Dostoevskij, Biblioteca economica Newton

 

1. necklace Marc by Marc Jacobs Angela gave me as present

2. T-shirt Zara

3. T-shirt with butterflies, studs and skulls Zara Kekko gave me as present 

4. my first skull t-shirt i bought in Vigevano with my green skirt Zara + green top, the first thing i bought at H&M 

5. Pen by Claire’s Marina brought me from London

6. earrings and necklace made by me with the skulls Kekko brought me from Spain + Memories from the underground by Dostoevskij

Slikachu ritrovato

 


La prima volta che l’ho visto è stato 2 anni fa.

Durante una lezione di urbanistica.

Ero così presa a guardare come lavorava che, convinta del fatto che il prof. mi avrebbe fornito il suo nome caricando la lezione sul portale, feci il grande errore di non scriverlo.

L’ho cercato per due anni.

Non l’ho trovato.

Ma ecco che ieri l’ho ritrovato…o forse lui ha ritrovato me??

Slinkachu ha iniziato a lasciare i suoi piccoli uomini nelle strade di tutto il mondo nel 2006.

La sua è una forma di street art, che coniuga arte e installazione e non può che provocare meraviglia quando qualcuno si imbatte nelle sue creazioni.

Sempre attento allo spirito del luogo in cui opera, i suoi lavori sono spesso delle critiche alle problematiche dei nostri tempi.

Critica, osserva e ripropone la realtà con tanta tanta simpatia!

Slinkachu I <3 you!

Potete visitare il suo sito qui e il suo blog qui.

ps. le ultime due foto sono state scattate in Italia, a Grottaglie, in occasione del Fame Festival 2010. Qui trovate il video che riprende le reazioni dei passanti davanti la sua installazione.

 

The first time I saw him was two years ago.

During my urban lesson.

I made the big mistake not to write his name because i thought the teacher will tell it to me later.

I looked for him for two years.

I didn’t find him.

But yesterday I found him on the net…or maybe he found me??

Slinkachu started leaving his little people all around the world in 2006.

His street art is a mix of art and installation and it’s impossible not to be surprised seeing his crations.

He puts his attention on the spirit of the place where he works and he often does a critic about the contemporary problems .

He critics, observes and re-proposes the reality with a lot of sense of humor!

Slinkachu I <3 you!

Here his site and here his blog.

P.s. the last two photos are taken in Italy in Grottaglie during the Fame Festival 2010, you can see here the video about the reactions of people seeing his intallation.

Around Bari


Ispirata dal post su Bansky, posto un po’ di foto che ho fatto in giro per Bari!
Vediamo se sapete dove sono queste pezzi di street art!
Inspired by the post about Bansky, i’m posting some photos i took around Bari!
Can you guess where these pieces of street art are? (I think that is very hard for foreigns people, but if anyone has been i Bari maybe…)