Barcellona

1 copy

E’ stata la seconda volta a Barcellona per tutti e due.

E’ stata diversa, ma bella tanto quanto la prima.

Una vacanza slow, all’insegna del relax, del cibo e dell’architettura…ovviamente! ;P

Speciale perché c’erano ad aspettarci i nostri amici Elisa e Lorenzo e non potevamo chiedere ciceroni migliori!!

Questa volta abbiamo scelto di alloggiare tramite Airbnb in un quartiere meno centrale, e ciò vuol dire anche meno turistico, in cui abbiamo assaporato la vera essenza spagnola, anzi forse è il caso di dire catalana. Gràcia era una cittadina indipendente fino al XIX secolo e quindi è tutto in scala ridotta rispetto al resto della città.

Un quartiere molto bohémien, con tanti localini e negozi di tendenza.

fb1caf21400039.5630092f0f929

Ecco che cosa abbiamo fatto durante i nostri 3 giorni e mezzo di vacanza e cosa vi consigliamo di non perdere assolutamente!!

1°Day:

Prima sera, per cominciare, un bella passeggiata lungo Passeig de Gràcia per salutare Casa Milà e Casa Batllò e per ricordarci che le mattonelle dei marciapiedi sono state disegnate da Gaudì…pare che ci sia un qualcuno che ha il compito di verificare che siano montate tutte correttamente, una specie di associazione che “le protegge”!!
IMG_6917Ci siamo intrufolati un attimo nella corte del bellissimo Mandarin Oriental, prima di fare un aperitivo con cañas de cerveza, olive e deliziosi formaggi puzzolenti al National, struttura industriale del XIX secolo che accoglie bar e bistrot in stile vintage, un posto super consigliato!2IMG_6928

2° Day:

Il secondo giorno ho trascinato la compagnia in un mini tour architettonico partendo da Glories e passeggiando lungo la grande Diagonal tra le opere di Bohigas, Jean Nouvel, Chipperfield, Ferrater, fino ad arrivare alla Can Framis di Jordi Badia che però abbiamo trovato chiusa :(

6IMG_41307 IMG_4171Camminando siamo arrivati al Palo Alto Market (siamo stati fortunati perché era proprio quel weekend!), una ex zona industriale immersa nel verde dove abbiamo provato dell’ottimo street food, abbiamo curiosato tra stand di oggetti e abiti di design e vintage, il tutto accompagnato da un po’ di musica! 8

Dopo un esagerato ordine da 100 Montaditos, abbiamo chiuso la serata in un posticino davvero speciale, Pesca Salada. Una ex pescheria diventata un piccolissimo cocktail bar (i posti sono contati, ma vale la pena aspettare), dove il tema mare ritorna in tutto: nella grafica del menù, nel lampadario, nel tavolini…pensate che il bagno è nella ex cella frigorifera!!! I Drink?? Spettacolari!!
93°Day:

Il terzo giorno siamo rimasti a bocca aperta tra un padiglione e l’altro dell’Hospital de san Pau opera dell’architetto modernista Montaner. Un tripudio di maioliche e decorazioni colorate sia fuori che dentro gli edifici che si affacciano su un giardino recentemente riammodernato, un posto molto tranquillo e rilassante che oggi ospita fondazioni e associazioni culturali.
IMG_4326

IMG_42663IMG_42734IMG_4301Seconda tappa della giornata è stato il mercato de la Boqueria, dove abbiamo spizzicato un po’ di Jamon e di olive, prima di gustare del pesce, funghi e carciofi fritti seduti accanto a simpaticissime signore turche che volevano assolutamente mangiare prima di noi e che alla fine ci hanno confessato, senza parlare ne’ inglese ne’ spagnolo, che è meglio l’Italia della Spagna! Grande stima al cameriere che le ha sopportate! IMG_43685

IMG_4397 IMG_4393

IMG_6972

Nel post pranzo, che poi è diventato un “pre cena” abbiamo fatto una puntatina al padiglione di Mies, passando per il Caixa Forum. Purtroppo avevo letto male gli orari di visita e l’abbiamo ammirato soltanto da fuori…questa cosa sarà motivo di ritorno, Mies aspettami!!!
10

11Il resto della serata l’abbiamo trascorso in compagnia di altri amici nel quartiere del Born per poi ritornare a casa a piedi lungo Passeig de Sant Joan.IMG_7190

4 Day:

La quarta ed ultima mattina è stata dedicata interamente a lei, la regina indiscussa di Barcellona, la Sagrada Familia. Quando l’avevo vista l’ultima volta era piena di impalcature e non si poteva quasi per niente percepire la spazialità interna. Quello che stupisce è il fatto che un uomo l’abbia concepita così perfetta e complessa in un’epoca in cui ancora non esistevano i computer, senza lasciare nulla al caso. Nulla. Il regalo più bello ce lo ha fatto prima che andassimo via… il sole finalmente è spuntato, prendendo il posto delle nuvole grigie, e i colori hanno inondato l’interno, uno spettacolo mozzafiato!!!

IMG_451612

IMG_7025IMG_4449IMG_4444Ah, quasi dimenticavo…se avete in programma un viaggetto a Barcellona, non dimenticate la tipica colazione spagnola con caffè e tortilla!! ps.Non dimenticate di provare anche la bomba! ;P

13

Barcellona, hasta pronto!!

Che serà serà…

1 23 4

lo so che questo post sembrerà ridicolo il 19 Gennaio 2016, ma quest’anno ho tutte le buone intenzioni possibili e immaginabili di curare blog, e proprio non ce la facevo ad iniziare a postare senza tirare le somme dell’ormai passato 2015! Così eccomi qui, a ri-sfogliare le foto di un anno che sembrava voler passare in sordina, ma che invece mi ha regalato tante soddisfazioni…quasi che, dopo il 2014, non potessi aspettarmi di meglio e invece, preparando il  post, l’unica cosa che mi veniva da fare era ringraziare Dio per questo altro bellissimo anno trascorso!!

Che cosa è successo??

Tutto è iniziato con un viaggetto a Roma, alla scoperta della vita di Bresson, dopo di che sono stata catapultata in un periodo di studio matto e disperato alla fine del quale mi sono abilitata. Eh si, ora è ufficiale, sono un architetto (mi suona ancora strano dirlo! XP). Grande  traguardo e grande soddisfazione con la mia compagna di avventure Ettina! E’ stato l’anno dei 26 il 26…e pensare che da piccola me lo immaginavo diverso…sposata e con figli!! E’ stato l’anno di Napoli da quando la mia dolce metà si è trasferita lì, ma anche l’anno delle domeniche in giro alla scoperta dei segreti e delle bellezze della Puglia e della Basilicata, l’anno della primavera in famiglia e dell’emozionante incontro con Campo Baeza, che ha segnato la mia vita privata e professionale!

Il 2015 ha dato alla luce 2 nuove vite, Alessandro e Caterina, e questo basta a renderlo uno dei più belli di sempre! Mi ha dato la possibilità di seguire il primo cantiere, di imparare a tirare a golf, di vivere per la prima volta il Salone del Mobile e di perdermi tra le rovine di Pompei. E’ stato l’anno in cui ho ricevuto uno splendo regalo di compleanno da Kekko, che ci ha riportati a Londra. Forse quest’anno abbiamo capito che la cosa che ci piace fare di più durante i viaggi è mangiare?!? Beh abbiamo anche messo Shoreditch nella lista dei luoghi in cui ci piacerebbe vivere ;P! Non per ultimo abbiamo girato Napoli dal sottosuolo alle vette di panoramica bellezza…una città dai mille volti che mi riesce a stupire di continuo!

Ho trovato un nuovo lavoro, mi sono iscritta all’ordine e poi mi sono goduta a pieno anche questa estate, tra Salento e il mio mare lucano, con gli amici di sempre e qualche new entry. Cosa c’è di più di quel mare cristallino e delle mangiate in spiaggia con la mia famiglia? Sono tante piccole cose che mi rendono felice: Kekko che si impegna sempre a farmi scoprire spiagge salentine nuove, mia madre che cucina con amore il pesce e i frutti di stagione, non stancarci mai di giocare a Lupus in Fabula con Lucio, leggere un libro sotto l’ombrellone poi fare quella bella pennichella pomeridiana con il sole che sposta piano piano l’ombra dell’ombrellone, organizzare le colazioni in veranda con che fanno tanto felice papà! Sono anche tornata a Craco, finalmente con Kekko, e poi a fine agosto ci siamo imbarcati per un week-end di compleanno nella piccola e tranquilla Procida... (sapete che il Postino è stato girato lì? ecco la scena più bella del film!)

Qualcuno ha fatto 18 anni, anche se mi sembra ieri che ne aveva 3, quella riccia birbante! Ho ammirato lo spettacolo del golfo di Napoli in una giornata di sole dal Virgiliano, prima di catapultarmi in un Ottobre all’insegna del lavoro matto e disperato, che alla fine ha portato risultati e che si è concluso con il matrimonio del nostro grande amico Pomes. Poi ancora in giro per Napoli, Pozzuoli, la Solfatara…ah quasi dimenticavo, abbiamo provato anche  tutte le pizzerie più famose di Napoli, ma ancora non riesco a stilare la mia personale top 3!! Il 2015 ci ha riportato anche a Barcellona da Eli e Lorenzo, un viaggio alla scoperta di Gracia, dell’architettura e ovviamente del cibo, che vi racconterò nel prossimo post. Barcellona, sei ufficialmente anche tu nella lista dei luoghi in cui vivremmo volentieri! La mia migliore amica è diventata un medico, è solo guardando lei che realizzo che siamo davvero diventate grandi, ma che bello averlo fatto insieme!

E ora il 2016 è tutto un gran buon proposito!! Ma non vi tedierò oltre con i miei pensieri…

Buon 2016 a tutti, meglio tardi che mai!

Anna

Apulian summer #2

appunti di viaggio per weekend pugliesi

Il nostro secondo weekend allungato in quel del Salento è stato all’insegna delle nuove avventure. É iniziato con una bella colazione a base di pasticcioti ed una passeggiata mattutina in una ridente Lecce baciata dal sole.
wpid-2014-08-13-10.35.06.jpg.jpegwpid-2014-08-13-10.18.29.jpg.jpegAnche questa volta abbiamo scoperto posti nuovi e di una bellezza incredibile, come la grotta della poesia a Roca Vecchia…è stata una giornata di tuffi e di esplorazioni a bordo del nostro materasso(ne) gonfiabile!! wpid-img-20140908-wa0006.jpgwpid-2014-08-13-13.54.34.jpg.jpegDCIM101GOPRO DCIM101GOPRO DCIM101GOPRO E’inutile dirvi quanto l’acqua fosse cristallina…le foto parlano da sole!DCIM101GOPRO

Il secondo giorno abbiamo optato per la sabbia, scendendo una una delle calette nei pressi degli Alimini. Con le sue secche il mare era perfetto per fare quattro tiri a pallone in compagnia e al ritorno non ci siamo fatti mancare una bella esercitazione di slackline tendendo la fettuccia tra gli imponenti tronchi della pineta…
wpid-img-20140908-wa0013.jpg10549840_582324038547006_1490751889_nA ferragosto invece abbiamo atteso in spiaggia che il sole tramontasse di fronte a noi regalandoci un magnifico spettacolo!

10608016_716554281750175_1346456832_n Cosa mancava? Beh ovvio, una passeggiata a cavallo!! Non ce la siamo fatta di certo mancare…poteva essere un po’ più lunga, ma in fin dei conti ci siamo divertiti!!10616759_689004724486598_1231401776_nDCIM101GOPRO DCIM101GOPRO DCIM101GOPRO

Dopo i cavalli, bagno a Torre dell’Orso e super aperitivo ad un prezzo stracciato!DCIM101GOPRODCIM101GOPROLast day a new avventure!
Prima di ritornare a casa, un ultimo bagno alla mini spiaggia di  Santa Caterina per salutare lu Salentu, ed una bella passeggiata per arrivare fin su alla torretta dalla quale abbiamo goduto di bellissimo panorama! DCIM101GOPROStay tuned! Next stop Valle d’Itria!
ps. some pics from @supertrafra instagram profile

Apulian summer #1

Appunti di viaggio per weekend pugliesi

 

Lo so, lo so, lo so avevo promesso di scrivere di più quest’estate, ma mi sono lasciata travolgere dallo spirito delle vacanze… e così eccomi qui a raccontarvi delle mie tante mini-vacanze tra Puglia e Basilicata. Anche se sono del tutto fuori stagione, questi post resteranno sul blog e, chi lo sa, potrebbero essere dei piccoli consigli per chi programma un viaggetto da queste parti! Ready? GO!!

IMG_0105

Ci siamo soffermati sulla costa ionica per godere del meraviglioso mare senza lo stress  e la calca di Gallipoli, nella tranquilla località di Santa Maria al Bagno. Caletta mignon, pasticciotti al pistacchio, azzurro mare e bagno al tramonto dopo una mattina sulle spiagge di Rivabella…
IMG_0107 IMG_0131 IMG_0132 jjkCena in compagnia allo Scapricciatiello, prezzi modici per piatti non male!

IMG_0147

IMG_0148 IMG_0149 IMG_0153 IMG_0154Dopo cena siamo partiti alla volta di Scorrano, che ci ha riservato davvero tante sorprese. In occasione della festa patronale di Sant’Anna, illuminano il paese a festa e c’ è una sorta di gara per le luminarie più belle…vi dico solo che al centro della piazza c’era una piramide gigante di luci!!IMG_0157 IMG_0165 IMG_0170 IMG_0172 IMG_0164IMG_0181 IMG_0189 IMG_0199 IMG_0202

Un bagno a Porto selvaggio non poteva mancare! E dopo questa luuunga discesa in infradito con rischio cadutona ad ogni passo, abbiamo goduto delle gelide ma limpidissime acque senza farci mancare un bagno nelle fredde sorgenti di acqua dolce che sgorgano in mare!

10544273_587087611399800_2014857466_n
porto selvaggioNon è mancata una passeggiata serale nel centro storico di Gallipoli, anche se al ritorno un ragno-tarantola ha attentato alla nostra vita…ma questa è un’altra storia!! Vi consiglio soltanto, prima di partire, di assaggiare uno squisito caffè in ghiaccio con latte di mandorla! 😉

IMG_0224Al prossimo post!
penultima e terzultima foto from @supertrafra instagram

Festa, festa, festa, festa, festa!!!

1907672_10204193755467767_5515593081595275261_n 10246591_10204193918711848_4934650772627521419_n 10302014_10204194062035431_451637114295507158_n 10340071_10204193794748749_5620700899040696408_n 10358882_10204193961992930_7985607693914391522_n 10393801_10204193848150084_3980561774431305832_n 10406957_10204193818349339_8139417568582549856_n 10410340_10204193832869702_3297142426999143584_n 10417700_10204193794148734_804449973922956741_n 10478144_10204193887111058_3432150694849699147_n 10488319_10204193887751074_5312399224175762746_n 10501866_10204193969673122_7352288702559361258_n 10509738_10204193962712948_6876748991082789405_n10346192_10204194049835126_2407494398043042514_nMetti sette laureati, un giardino con piscina, gli amici che ti sono stati sempre accanto in questi anni, tanta gioia, musica musica musica, drink, allegria, selfie selfie selfie,bagno in piscina e una di quelle bellissime torte di Tania

la festa di laurea più bella che potessi immaginare!!

Grazie di cuore a tutti voi! <3

Anna

Photo credits: Michele Piagione

A casa di…

1 Questo post parla di quando sei in quelle case così belle che non riesci a smettere di guardarti intorno e ad ogni nuovo sguardo scopri un particolare che non avevi notato prima.

Questo post parla della casa di una persona speciale. La sua casa parla di lui.

Un insieme di culture diverse e di stili diversi che riescono a diventare una sola cosa. Il connubio di oggetti provenienti da epoche lontane tra loro che riescono a dialogare in maniera perfetta. E’ così che si trovano a convivere un lampadario anni ’60 e una credenza in stile liberty, un sistema di amplificazione super contemporaneo e dei tappeti africani.

Questo post parla anche di passioni.

Passione per gli oggetti antichi. Non una semplice mania di collezionismo, ma una vera e propria voglia di scoprire la storia che si cela dietro ogni oggetto e che questo può raccontarti.

Passione per la musica. Dal rock al classico, dal Jazz al Blues. Dal digitale all’analogico.

Questo post parla di una casa ricca di storia. Una storia che è riuscita a venire a galla persino in occasione di lavori imprevisti attraverso pezzi di affreschi.

2 3 4 5 6 7 8

Questo post parla di quanto mi piaccia questa casa, di quanto io ami tornarci ogni volta e di quanto mi sorprenda ad ogni cambiamento avvenuto.

Questo post parla di un’amicizia e di quanto sia bello poterla gustare in un posto così.

Perciò grazie di cuore Dottor L !

ps. Questo post parla anche di quanto la mia macchina fotografica sia pessima e della mia incapacità di cogliere senza vergogna e con calma degli scorci di questa casa meravigliosa, magari in un post futuro, chissà… 😉

Manu Chao in concert

E’ stata una sorta di lotta cercare di caricare questo video. E’ andata avanti da Luglio, quando Kekko ha finito di editarlo, ma alla fine ce l’abbiamo fatta!!

Anche se è ormai Novembre, fa sempre piacere rivivere i momenti in compagnia rubati a quel bel weekend salentino, quando l’estate era appena cominciata e noi, felici di accoglierla a braccia aperte, ci siamo goduti un viaggio on the road nello strepitoso paesaggio pugliese, abbiamo fatto il primo bagno nell’acqua cristallina, abbiamo cucinato un po’ troppa insalata di riso da mangiare in spiaggia, e dopo una doccia scaccia pensieri (e salsedine!), abbiamo atteso trepidanti l’inizio del concerto.

La gente era davvero tantissima e per respirare un minimo di aria fresca dovevi alzare la testa al cielo, ma ne è valsa la pena, il concerto è stato una bomba!!

Non sono riuscita a smettere di saltare…scusa Enzo per tutte le volte che ti ho calpestato i piedi!

Un grazie va ai nostri compagni di viaggio Francesco e Lucia, al chioschetto delle crepes notturne e alle zanzare salentine che non ci hanno dato tregua, d’altronde sono questi piccoli dettagli che rendono speciale un viaggio, vero?

Enjoy! 😉

Continua a leggere