Paris pot-pourri

Un velocissimo mix sulla mia mini vacanza parigina. Prometto che vivrò del tempo in quella città prima o poi! Paris je t’aime!

Some random pics from my short trip to Paris I did last month! I promise I’ll live there one day! Paris I love you! Enjoy! DSC06328#First night cena sotto la svettante torre finita giusto in tempo per vederla esplodere nelle sue mille luci notturne!
DSC06342

#Day one Il mio più grande desiderio era quello di ritornare al Musee d’Orsay, quindi ho trascinato la family sulla rive gauche e siamo rimasti tutti e tre a bocca aperta davanti ai maestri dell’impressionismo!
DSC06352

Questa volta era possibile accedere al 5° piano ed avere una splendida vista sul Louvre guardando attraverso i vetri dei grandissimi orologi dell’edificio. Super consigliato il caffè Campana (sempre al 5° piano), disegnato dai fratelli Campana, due famosi designer brasiliani, in cui abbiamo assaggiato dei piatti davvero deliziosi!
DSC06365 DSC06367

Di ritorno non poteva mancare una tappa a Notre Dame de Paris. Illuminata dal sole del tramonto ha tutt’un altro aspetto rispetto al suo grigio abito autunnale in cui l’avevo vista la prima volta! E per concludere, cena alla Brasserie Galoppin, ottimo cibo e ottima accoglienza in perfetto stile parigino! DSC06374

#Day two Ci siamo persi tra i colori primaverili dei Jardin de Tuileries prima di arrivare al Musee d’Orangerie. Abbiamo ammirato una mostra temporanea sui macchiaioli (gli impressionisti italiani?), poi abbiamo passeggiato tra le opere della collezione permanente per finire a bocca aperta nelle sale delle ninfee di Manet, non volevamo andare più via!!
DSC06386 DSC06394 Direzione Operà e Rue Saint Honorè per un po’ di window shopping, le vetrine più belle? Quelle di Lanvin!! Un bel giretto da & Other Stories e un altro da Colette prima di catapultarci in tutt’altro posto: Montmartre!DSC06395 DSC06399 lanvin 3 lanvin 2 lanvin 1DSC06415 La vista sulla città dal Sacro Cuore è sempre entusiasmante: solo io sogno di abitare in una di quelle mansarde parigine? La street art di fianco ai gradini è super simpatica e ci sono dei negozietti adorabili! Ho scoperto Paperdolls che è proprio una chicca! DSC06420 DSC06428 DSC06429Una mega insalata a Le Relais Gascon e poi una visita notturna al Centre Pompidou prima di lasciarci andare, distrutti, nelle braccia di Morfeo!
DSC06442 DSC06450

#Day three Direzione Jardin du Luxembourg per visitare la mostra temporanea interamente dedicata a Chagall. Scoprire l’infinito amore di quell’uomo per sua moglie Bella tanto da dipingerla in tantissime opere, mi ha davvero stupita!DSC06461 DSC06463 DSC06464 DSC06468 DSC06481

I macarons non potevano mancare! Questa volta ho assaggiato quelli di Angelina, ma devo dire che quelli di Laduree sono imbattibili ( anche se non ho ancora assaggiato quelli di  Pierre Hermes, shame on me!).DSC06486 DSC06488 DSC06495 Abbiamo concluso in bellezza, scoprendo un’altra chicca: proprio di fronte al più famoso Benoit, una ex fumeria d’oppio trasformata in bistrot, L’Acanthe. Cucina tipica francese rivisitata in chiave moderna in un ambiente piccino ma molto caldo!
DSC06497

“Oh ma Parigi non è fatta per cambiare aerei.. è fatta per cambiare vita! Per spalancare la finestra e lasciare entrare “la vie en rose”. Ricordate chi è che diceva questa frase?

Parigi aspettami, tornerò presto!! ;P

9 pensieri su “Paris pot-pourri

  1. E’ inutile parigi è troppo bella, ci torno spessissimo e ogni volta mi piace di più, passeggiare senza dover correre di qua e di là per visitare le cose più turistiche fa scoprire degli angolini deliziosi…è stupenda e cambia di stagione in stagione!
    Tra l’altro il museo d’orsay, per ringraziare di avergli prestato le tele dei macchiaioli, invierà a firenze alcuni dei capolavori impressionisti della sua collezione 😉

  2. Bellissima Parigi, non l’amavo particolarmente ma dopo esserci stata mi è entrata nel cuore. La frase è di Sabrina.
    Complimenti sei bellissima.

  3. @Alessandra, ah che bello, non sapevo di questo scambio!! la mostra sui macchiaioli è stata davvero interessante! ed hai ragione davvero sul perdersi a Parigi e scoprire angoli nuovi e poco turistici!
    @Sofia, bravissima è proprio di Sabrina!! Anche io prima di andarci pensavo che non mi sarebbe piaciuta, ed ora invece è la città dei miei sogni!!
    @Paola, e allora fai una follia! compra i primi biglietti low cost e fuggi per un week end! ;P
    @Rox, come ci capiamo io e te! :*

  4. Che meraviglia! Non vedevo l’ora di leggere questo post.
    Ah che bello, Parigi è la città in cui sogno di vivere da sempre.
    Penso sia il giusto mix di monumenti, contemporaneità, eleganza, divertimenti e cosmopolitismo e poi c’è cultura e soprattutto charme.
    Comunque anch’io sogno di vivere in una di quelle mansarde o meglio ancora – il mio ideale di casa – in un appartamento epoca Haussmann con la boiserie bianca, i soffitti alti, le ringhiere floreali e il parquet a spina di pesce in legno decapato.

    Alessia
    ElectroMode

    • Hai le idee super chiare direi!!! Chissà quanto costa un appartamento del genere, considerando i prezzi degli studio immagino un’infinità!! Comunque già non vedo l’ora di ritornarci!!! :)

What do you think about this post?