Our Tuscany trip – Firenze

1

Day #1.

7.30 di mattina. Il treno parte da Arezzo. Direzione Firenze.

Occhiaie a palla.

Il cielo è un po’ nuvoloso.

Pioggia prevista per le 13.00.

Non sarà di certo lei a fermarci!

Prima che piova il mio obiettivo è uno: salire sulla cupola!

2

Lasciamo le valige e ci incamminiamo verso Santa Maria del Fiore.

Passiamo volutamente davanti Santa Maria Novella, ma decidiamo di visitarla con calma dopo. Iniziamo ad intravedere la nostra meta all’orizzonte.

3

Eccola. Proprio come me la ricordavo. In tutto il suo splendore e la sua policroma maestosità!

4

Il campanile di Giotto e poi lei. La cupola che tanto mi appassiona e mi incuriosisce.

Tutta la storia che ha dietro esercita un inspiegabile fascino su di me.

5

Se l’architettura esterna è così “chiassosa” nelle sue decorazioni, potremmo definire quella interna timida e silenziosa.

Ammiriamo gli affreschi vasariani della cupola, ma siamo delle formiche a confronto!

Kekko si adopera per fare una vista panoramica degli interni ( che potete vedere cliccando qui).

Ma io non sto più nella pelle.

Dobbiamo cercare l’accesso alla cupola!

6

La salita si fa sempre più emozionante, claustrofobica e da togliere il fiato.

In tutti i sensi!

Non immaginate da quanto desiderassi vedere quello spazio tra l’intradosso e l’estradosso…

Ma…

ma i conci a spina di pesce dove sono?

7 8

Tutti quei tetti rossi.

Quella patina che fa apparire più chiari i colli in secondo piano.

Essere così alti sulla città.

Secondo voi quante volte abbiamo rifatto la foto perchè il campanile venisse (quasi) precisamente in mezzo a noi?

Insomma, ce l’abbiamo fatta.

Siamo arrivati prima di te, cara pioggia!

9

Seconda tappa.

Battistero di San Giovanni.

Forse la storia della disputa tra Ghiberti e Brunelleschi (ancora una volta) per la realizzazione della porta nord, fa passare spesso in secondo piano il resto.

L’ottagonale edificio più antico di Firenze, con le sue geometrie bicrome e quasi optical degli esterni esplode in uno sfarzo brillante e dai forti influssi bizantini nelle decorazioni interne della cupola.

10 11

Dopo un ottimo pezzo di pizza al pesto da Totò in via dei Tavolini, una meritata pausa di riposo sotto la Loggia della Signoria.

Freschi ci godiamo una bella passeggiata in piazza, ammirando le famose statue tra orde di turisti in estasi sotto la copia del David, scolaresche che ballano e i cari affezionati piccioni!

12 13

Così, presi dall’entusiasmo, iniziamo a scattare foto per piccoli MA post all’interno del post!

15

Ci infiltriamo poi nell’atrio di palazzo Vecchio…

Che sfarzo!!!

E pensare che alla cara vecchia Eleonora non bastava, e si è fatta comprare palazzo Pitti… ma questa è un’altra storia!

14

Decidiamo che visitare palazzo vecchio non ci intriga molto.

Abbiamo altri desideri…

Santa Croce, arriviamo!!

16 Salutiamo Galileo, Macchiavelli e Michelangelo e tutti gli altri.

Ammiriamo la morte di San Fancesco dipinta da Giotto nella Cappella Bardi e ci dirigiamo verso la cappella dei Pazzi.

Uno dei vertici artistici del rinascimento che porta ancora una volta la firma di Brunelleschi.

Gioia per i miei occhi!

Però Filì, ti potevi impegnare un po’ di più per la soluzione della parasta in angolo! ;P

17 18

Chiudiamo Santa Croce insieme agli addetti.

Le campane suonano e il sole sta per tramontare.

Che si fa adesso?

Ma si dai, trasciniamoci verso Ponte Vecchio!

19 20 Ci chiediamo come si faccia a scegliere la gioielleria migliore.

E se ce ne sia effettivamente una migliore delle altre.

In fin dei conti non ci interessa.

Dai, facciamo qualche foto con il sole che tramonta sull’Arno.

21 22 23

Beh forse è ora di tornare a casa adesso.

I piedi fanno male e gli effetti della levataccia iniziano a farsi sentire.

Ma alla fine la pioggia? Non è arrivata!

Consulta un altro meteo domani, Kekko!

24A little translation for the foreign readers:

Our first day in Florence. We arrived with the train from Arezzo at 8.30 left our suitcases and went to Santa Maria del Fiore. Above all I wanted to visit the dome before rain would arrive! And so we did. We visited the interiors of the church and than we went up the dome climbing all that claustrophobic stairs. The view was breathtaking! After that we went to the wonderful baptistery of San Giovanni with its sparkling mosaics! Such a great place! We were hungry, so we took a slice of pizza with pesto and went to piazza della Signoria. How many tourists, schools and pigeons!! The atrium of palazzo Vecchio was so rich and decorated, I cannot believe Eleonora was not satisfied and let Cosimo buy her palazzo Pitti..but this is another story! We decided to go to Santa Croce, where we saw the tombs of Macchiavelli, Galileo and Michelangelo, before visiting Bardi chapel and Pazzi chapel. My eyes were so happy to see such a wonderful example of renaissance architecture! While the sun was setting, we tiredly went to Ponte Vecchio and wonder what jewelry store was the best among all! Before going home we took some photos on the river, hoping the next day would not rain! 😉

12 pensieri su “Our Tuscany trip – Firenze

  1. Eccomi…ti scrivo anche qui l’impressione che ho avuto non appena ho visto le tue foto: sei proprio un tipo solare e mi piace molto come riesci ad essere sintetica ed esaustiva allo stesso tempo…ti seguo volentieri, così tanto per farmi un viaggetto ogni tanto…cri

  2. Oh, se ve dessero nel loro interno l’ eterno, che io per averlo gustato fremevo.
    S.Agostino (Confes. 9. 4. 10. )

    Baci mamma

What do you think about this post?