Mary Katrantzou

Questa collezione non poteva che uscire dalla mente di un Architetto! Ed infatti Mary Katrantzou si è laureata in Architettura negli USA presso la Rhode Island School of Design prima di studiare Textile design. Chi l’avrebbe detto che la piccola Mary (classe ’83) di origini greche avrebbe sfondato nel mondo della moda??  Questa volta l’architettura non ha vestito i luoghi, ma i corpi. Attraverso le stampe di eleganti interni gli abiti hanno la capacità di diventare tridimensionali: applicazioni, parti strutturate, gioielli lampadario fanno si che l’abito non sia un quadro da guardare ma una invitante prospettiva da abitare!  Sono rimasta affascinata dalla storia di Mary (sarò perchè anch’io studio architettura 😉 ) e dalle sue creazioni, che ho scoperto solo recentemente (shame on me!) grazie a Casamica, che l’ha “sbattuta” in copertina, e al blog Electromode, perciò , dal momento che questa è la collezione SS 2011, potete dare un’occhiata all’ultima collezione SS 2013 proprio su Electromode.

PS. Quei gonnellini-lampadario non ricordano anche a voi alcune gonne e abiti Vivietta della collezione SS 2010?

I  thought this collection was made by an Architect and I was right!! Mary Katrantzou studied Architecture in the USA at the Rhode Island School of Design before studying Textile design. Who could guess little Mary ( she was born in 1983) from Greece will become a famous fashion designer? This time Architecture did not wear the places but the bodies. Through the textile prints the dresses can be three-dimesional: applications, structured parts, and  chandelier jewels make the dress not a picture to watch but an interesting perspective to live! I was fascinated by her story (maybe because I study Architecture) and by her creations that I discovered very recently thanks to Casamica and to Electromode where you can find the last collection SS 2013, because the one I showed you above is the SS 2011 collection.

Ps. Those skirts do not remind you of some Vivietta pieces from SS 2010 collection?

8 pensieri su “Mary Katrantzou

What do you think about this post?